THOUSANDS OF FREE BLOGGER TEMPLATES

mercoledì 23 gennaio 2008

..ma dove cazzo sono le meringhe..

la vita è strana, e questo lo si sapeva già.. ma che durante una skype-conferenza con andrea, un vasetto di yogurt al limone con meringhe mi diventa di ispirazione per un discorso semi-serio sulla vita, questo no!!

quel simpatico contenitore mi ha sparato davanti agli occhi una serie di situazioni, una serie di volti da me conosciuti che sono portavoce della presa per il culo, della delusione, della meschinità.. non sto parlando di personaggi famosi, ma di persone reali con cui passi le tue più comuni giornate, quelle con cui vivi fianco a fianco..

vi è mai capitato di incontrare qualcuno che, dopo 5 minuti di conoscenza, era già disposto a dare la vita per il tuo bene?! qualcuno per il quale sembravi diventato oggetto di stima e quasi di culto?! qualcuno al quale avevi cominciato a voler bene sul serio per quell'affetto che ti aveva dimostrato?!insomma, una di quelle relazioni umane (non per forza sentimentali) che sembrano già sugellate ancora prima che inizino.. quasi una specie di colpo di fulmine che ti fa dire: "cavolo, ma davvero esiste una persona così?! oppure mi trovo in un altro dei miei soliti sogni ad occhi aperti??"..

il periodo che segue è ancora più bello!! perché se prima hai potuto solo assaggiare l'idea di quello che sarebbe potuta essere la relazione umana tra te e l'altra persona coinvolta, ora hai la possibilità di VIVERE quello che hai per tanto tempo sperato!!
è come sentirti sazio dopo il pranzo della domenica: ti senti così pieno di affetto e di tanti altri buoni sentimenti di/per questa persona, che tutto il resto scompare.. non dico che diventa una ossessione, ma il passo è breve.. hai la sensazione di non essere capace di pensare a nient'altro, e soprattutto a nessun'altro..

la cosa più bella in tutta questa storia?! che sei ricambiato.. non sei l'unico a crederci, ma anche l'altra persona si ritrova coinvolta in questo uragano di emozioni e sensazioni.. sono emozioni vere, sincere, sentite.. in sostanza hai la sensazione che niente e nessuno potrà intromettersi in questa relazione idilliaca, che tutto andrà sempre per il verso giusto perché tu e quest'altra persona siete ormai una cosa sola, uno stesso cuore, uno stesso cervello, un tutt'uno compatto..

e poi arriva la svolta.. tutto finisce.. perché, come si dice, la vita non è tutta rose e fiori.. forse siamo tutti così pieni di buoni sentimenti e di buone intenzioni, che prima o poi il grande contenitore dei buoni sentimenti non ce la fa più a reggerli e decide di esplodere (così come il quadro di baricco decide di cadere!!) e liberare tutti i suddetti, lasciando un cuore e un cervello aridi.. perciò non abbiamo più nulla da offrire: o noi, o l'altra persona, o entrambe.. non c'è più nulla da dire, e quelle poche frasi che si scambiano diventano come lavarsi i denti: un rituale della quotidianità privo di qualsiasi significato..

a questo punto credo siano solo due le possibili soluzioni, che però non possono essere propriamente definite come positiva e negativa visto che entrambe hanno il loro pro e il loro contro.. però almeno si pone davanti ai nostri occhi l'illusione di poter scegliere, di poter sperare in qualcosa di positivo (per gli ottimisti) o di sfociare direttamente nel negativo (per i più autolesionisti, in alcuni casi detti emo)..
i "positivisti" decidono che questa è semplicemente l'ennesima presa per il culo..si autoconvincono che in futuro le cose andranno meglio, che le persone vanno e vengono (moto a/da luogo), e che al mondo ci sono tante altre persone migliori di quella.. e questo li porta poi, inevitabilmente, a tornare su questo discorso più e più volte, perché l'inesorabile macchina delle prese per il culo non si ferma mai!!
gli "autolesionisti" decidono invece che del mondo non gliene frega più un cazzo.. si autoconvincono che l'unica persona con cui si sta meglio al mondo è sè stessi, che non hanno bisogno di nessun'altro, che è sufficiente fare affidamento alla propria pelle per continuare a vivere.. e questo li porta poi, inevitabilmente, a tornare su questo discorso più e più volte, perché si rendono conto che il mondo non è tutto uguale e che loro stanno buttando via l'occasione di vivere la parte migliore..

pensando ai volti che mi sono venuti in mente prima, il primo istinto è quello di prendere queste persone e percuoterle così violentemente da farle diventare il mio antistress personale quotidiano.. ma sono per la diplomazia (citazione), perciò..
..razionalmente parlando, mi viene da dire che non ci sono mai nè vincitori nè vinti.. perché alla fine tutte le cose (visibili e invisibili) sono buone e cattive allo stesso tempo.. le cose arrivano, accadono, si vivono, si guastano e finiscono proprio perché noi decidiamo (più o meno consapevolmente) di farle andare per questo verso.. qualcuno disse che "l'uomo si giudica dalle proprie azioni e non dalle proprie intenzioni", e se dovessi dare una interpretazione personale di questa frase, direi sicuramente che una persona può essere piena di buone intenzioni quanto vuole, ma alla fine trova sempre qualcuno a cui metterlo in quel posto!!

io per prima!! perché la vita è fatta di dare e ricevere, perché siamo tutti un po' egoisti e per non essere vittime di una presa per il culo, la mettiamo in pratica su qualcun'altro.. credo sia inevitabile..

e così fa la yomo..
ti piazza (indirettamente, per evitare di essere scoperta subito!!) sul banco frigo del supermercato i suoi bicchierini bianchi, avvolti da una accattivante confezione rossa, con scritto sopra a caratteri cubitali il contenuto del vasetto: "DESIDERIO (con tanto di cuoricino al posto della O) - yogurt, limone e meringhe".. il consumatore, che una volta vista cotanta confezione e cotanta scritta scarterebbe il vasetto ancora prima di farlo passare sul rullo alla cassa, già pregusta il momento in cui davanti al pc infilzerà in cucchiaino nello yogurt per poi alla fine leccarsi pure il vasetto stesso..
allora oggi, davanti al pc, tolgo il coperchietto in alluminio dal vasetto.. annuso il profumo di limone che ne fuoriesce.. intingo il cucchiaino nello yogurt.. apro la bocca e ci infilo il
cucchiaino, e penso..
"ma dove cazzo sono le meringhe?!?!?!?!"

5 correzioni:

l@dy cocc@ ha detto...

sto cercando di trovare una soluzione..

Camy ha detto...

Me la ricordo lady cocca!! quella che gioca a tennis con la tipa di robin hood nel cartone!!
bellissima :D

Crudelia ha detto...

Sii positivista L@dy Cocc@, le meringhe sono come le persone: vanno e vengono....

ilviaggiatore ha detto...

Ciao Lady Cocca, vi ho aggiunto ai miei siti amici sul mio blog... a presto Carmine ilviaggiatore

giovashow ha detto...

trovato!!ahahah in effetti oltre al concetto simile,i due post pongono nello stesso modo la domanda su dove minkia si trova l'ingrediente promesso!!e ancora non li abbiamo trovati...