THOUSANDS OF FREE BLOGGER TEMPLATES

martedì 2 settembre 2008

..Emanuele Inglese..

ah che amarezza!! il calendario segna "martedì 2 settembre 2008" e nel leggerlo mi sale una depressione simile a quella post-parto (credo).. voglia di studiare zero, voglia di scrivere la tesi zero, voglia di dormire tanta..
poi la Lilla mi passa le foto delle vacanze e mi diletta con circa 200 immagini di divertimento, mare e panorami mozzafiato, e io mi chiedo che ci faccio qui.. il giorno in cui sono tornata a casa non vedevo l'ora di rivedere la mia casina e il mio lettuccio, e adesso non so che darei per tornare a stare su una spiaggia a guardare l'orizzonte..

sfoglia che ti sfoglia, capito in mezzo alle fotine scattate all'Exit Palace: discotechina immensa, ricavata in quello che dall'esterno sembra una specie di castello medievale, un po' povera di arredi, ma allestita per ospitare una seratina niente male di musica house pesante con ospite d'eccezione Emanuele Inglese.. ora, è meglio che inizi dal principio..

non era una notte buia e tempestosa, ma solo noiosa, quando i nostri eroi passarono di fianco ad un cassone del rudo e due di loro notarono appiccicato sopra un manifesto inneggiante l'arrivo di tale Emanuele Inglese a Tenerife.. presi da un fulmineo attacco di gioia, i due cominciarono a gridare: "No, ma non ci credo! Ema è qui!", lasciando le altre due povere compagne di sventura nella loro ignoranza..
infatti, le due ragazze, non avevano mai sentito nominare quel dj in vita loro nonostante gli altri affermassero che fosse un portento, strafamoso a Milano e che spaccasse di brutto.. presa coscienza del luogo, della data e del costo dell'esibizione di Ema, i quattro si avviarono a casa felici perché avevano trovato come impegnare una delle loro prossime serate..
uno dei giorni seguenti si recarono al locale che vendeva le prevendite, sborsarono 20 € a testa e acquistarono i biglietti d'ingresso..

arrivò la tanto attesa sera e i quattro si imbellettarono, si pittarono, si infighettarono, si profumarono, si parruccarono e presero un taxi per raggiungere l'Exit Palace.. una volta arrivati qui, trovarono qualche volto conosciuto ad attenderli; gente incontrata le sere precedenti nelle altre discoteche che come loro cercava disperatamente qualcosa da fare..
la situazione si presentava tragica: per essere già le 2:00 di notte, non c'era un cane.. e la situazione all'interno era pure peggio, visto che il posto era immenso e la gente solo un misero gruppo; si poteva provare la stessa sensazione che prova la particella di sodio dell'acqua Lete che naviga nella bottiglia..
per carità, la Lady e Faz si divertirono alla grande perché, nonostante lo scempio di gente, la musica era ottima e la voglia di ballarla c'era; ma la serata si risolse più che altro in una delusione immensa per le altre due, in una sbavazzata (nel senso di bava che esce dalla bocca) per la Lilla e la Roby al cospetto dell'ennesimo ballerino gay e strabello, in una spacie di tentativo di stare male di nuovo della Lady con un Rum&Coca che sembrava plutonio, e un rincoglionimento generale che portò le loro povere orecchie a pulsare anche il giorno seguente..

un'ora fu sufficiente ai nostri eroi per capire che avevano buttato 80 € alle ortiche, e decisero così di combinare qualcosa di utile quella notte, di tentare di recuperare quella quasi schifezza di serata, di dare una sferzata energica ai loro culi.. obiettivo: Liquid!
l'attesa all'ingresso durò meno di 10 minuti, l'entrata costò solo 10 €, la musica era 10 volte meglio di quella di prima, e il locale era un carnaio di corpi di corpi multietnici sudati che ballavano.. in pratica l'ambiente ideale all'accoppiamento dei nostri quattro eroi..
dopo solo un'ora di intenso e soddisfacente agitamento di tette e culi, i quattro tamarri uscirono dal locale causa chiusura dello stesso e si ritrovarono alle ore 6:00 del mattino, fradici di sudore da potersi strizzare, in riva al mare con una leggera brezza e con davanti circa un paio di km di strada prima di tornare a casa.. c'è chi scelse la via più semplice e cioè un comodo taxi ad una modica cifra, e c'è invece chi scelse la via più lunga e cioè tornare a casa con i propri mezzi, zu Fuß, a piotti, a piedi e senza spendere nulla..

i nostri eroi spensero la luce alle 7:15 e sinceramente non ricordo a che ora aprirono il primo occhio dopo il sonno.. ma che ci volete fare, era il prezzo da pagare per dimostrare ai Canarini come si agita il culo con stile..

ah che amarezza!

ps: credo di non aver dato il meglio di me stessa; sarà che devo ancora ingranare.. perdonatemi, "chiedo schiuma".. questa battuta la dice sempre Andre, ma credo sia una citazione di qualche comico.. chi mi aiuta a risolvere il dilemma??

8 correzioni:

Radio Pazza ha detto...

Ciao, scambio link?

Bak

ps. radiopazza.blogspot.com number 7 is online

Sempreinspiaggia ha detto...

Notte da ricordare, insomma.

Lady Cocca ha detto...

@ radio pazza: vada x lo scambio! :)

@ s.i.p.: sisi memorabile! ;)

ariannuccia ha detto...

Col tuo post mi hai trooooooppo ricordato le serate a Ibiza...anche noi 4 anime alla ricerca ogni sera della discoteca che accontentasse i gusti di tutti....secondo te era possibile riuscirci??? certo che no!!! però alla fine a me sono piaciute tutte, alcuni altri sono ancora lì sconvolti!
Oh ma dalle tue parti si dice "bidone del rudo"??? :-)

millicent ha detto...

Sono i Pali e Dispari che dicono "chiedo schiuma", mi fa morire qst espressione!
Carino questo post però rettifico: io la sera dell exite palace mi sono divertita eccome, la musica mi piaceva di brutto e l unica a sbavare al ballerino e lamentarsi era R. Grande Emaaaaaaaaa
And now waiting for Chandelier Motel...che ho saputo non si terrà a settembre :(((((

Lady Cocca ha detto...

@ ariannuccia: eh si, ibiza è sempre ibiza! ci ho fatto la vacanza post maturità.. :D e cmq RUDO non è proprio milanese, credo sia più che altro pavese.. :)

@ millicent: amore mio! non vedo l'ora dello chande! sempre se mi vuoi.. :( tanto sai che guido io.. :)

Mat ha detto...

ecco quà...io per un mese cercavop qualcuno con cui andare a tenerife!
ufffffffffff
sono arrivato un po in ritardo!

beatrice ha detto...

Eh, la solita mondana!
Ma quando passi da Roma?
Adesso tocca a te bellezza mia!