THOUSANDS OF FREE BLOGGER TEMPLATES

martedì 29 settembre 2009

Partecipare al diritto amministrativo

La partecipazione al procedimento amministrativo è espressione del principio di democrazia. consiste nell'audizione di soggetti privati da parte dell'amministrazione che possono venire incisi dal provvedimento finale.
Fino agli anni 90 l'attenzione era rivolta all'efficienza, ossia alla decisione finale, al provvedimento; ora essa è puntata su come prende forma la volontà dell'amministrazione, viene valorizzato l'iter procedimentale. I benefici che si ottengono sono:
  • decisioni giuste perchè si acquisiscono tutti gli interessi in gioco
  • prevenzione di contenziosi
Il privato può quindi influire sulla formazione del provvedimento: ha una funzione collaborativa nel caso fosse portatore di un interesse legittimo pretensivo (ossia mira ad allargare la sua sfera giuridica), ha una funzione difensiva nel caso in cui il suo interesse legittimo fosse oppositivo (ossia difende un diritto soggettivo affievolito). Con la partecipazione si persegue il principio del giusto procedimento, c'è trasparenza nell'operato dell'amministrazione; nel caso in cui questa la vietasse è possibilie richiedere l'annullamento al giudice.

La partecipazione è regolata dalla L 241/90 ai seguenti articoli:
  • art. 7: la comunicazione di avvio del procedimaneto inaugura la partecipazione. Essa deve essere inviata ai destinatari diretti del provvedimento finale, ai soggetti interventori per legge e ai soggetti cui possa derivare un pregiudizio dall'adozione del provvedimento (principio di non aggravamento)
  • art. 8: vengono elencate le informazioni che deve contenere la comunicazione (amministrazione competente e persona responsabile, data per concludere il procedimento, data di presentazione dell'istanza nel caso sia un procedimento ad iniziativa di parte, ufficio dove è possibile visionare gli atti)
  • art. 9: partecipazione facoltativa dei portatori di interessi pubblici e interessi diffuso. Vi sono numerosi eccezioni
  • art. 10: elenca le garanzie pèer i partecipanti. Essi possono prendere visione degli atti, presentare memorie scritte e documenti inerenti al procedimento. In tal modo hanno la possibilità di esporre le proprie ragioni con cognizione di causa. Unico vincolo è la loro pertinenza; l'amministrazione non può ignorarle altrimenti il provvedimento sarebbe invalido.
  • art. 10 (2): preavviso di rigetto, ossia comuniczione dei motivi ostativi all'accoglimento dell'istanza. Per un provvedimento negativo l'amministrazione ha l'obbligo di di avvsare preventivamente colui che ha presentato l'istanza. entro 10 giorni, quest'ultimo può presentare osservazioni e documenti ulteriori. l'obiettivo è evitare l'annullamento del provvedimento per travisamento dei fatti. Se dovesse seguire ancora un dissenso l'amministrazione ha l'obbligo di motivare con ragioni differenti dalle precedenti, proprio perchè deve tenere in considerazione le nuove osservazioni apportate dall'istante. Col preavviso di rigetto si interrompono i tempi del procedimento, che poi iniziano a decorrere di nuovo dalla presentazione delle osservazioni; si può quindi dire che i tempi raddoppiano. Il preavviso di rigetto si manda una volta sola.
  • art. 13: si indicano a quali procedimenti non è possibile paretecipare: atti normativi (regolamenti), atti amministrativi generali (bandi di gara) e atti amministrativi di pianificazione e programmazione (PRG). Per esigenze di celerità la partecipazione può essere esclusa o attenuata, ovviamente con motivazione da parte dell'amministrazione.


In questo modo avete partecipato alla mia preparazione dell'esame di diritto amministrativo. Scusate. Era solo un modo per ripetere e constatare l'aver studiato abbastanza o meno. Ma tanto nessuno di voi ha letto fino qua!!

5 correzioni:

Federica ha detto...

non ho letto tutto :) ma buona fortuna!

pure io nella triennale avevo dato amministrativo, non era poi così malvagio

Lady Cocca ha detto...

In effetti ho saltato gli articoli.. Sento puzza di Bertonazzi, o sbaglio?

Baol ha detto...

Cioè...io l'ho eliminato dal piano di studi anni fa ed adesso dovrei leggerlo?...naaaaaa

Crudelia ha detto...

Lady...senti la giusta puzza!! Incrocia le dita...

hampidampi ha detto...

Io si...
hmmm...cioé ho saltato tutto l'amministrativo e ho letto quello che avevi scritto tu. :P
Devo tenerlo presente come modo di studio :D ma so non ce la farei a scrivere così a lungo